Croce Pisana su stemma in pietra arenaria grigia

Croce Pisana su stemma in pietra arenaria grigia

927

Nuovo

Stemma scudo in pietra arenaria pisana con croce pisana trilobata grande.

Più dettagli

380,00 €



Scheda dati


Altezza 51 cm
Larghezza 40 cm
Spessore da 5 a 7 cm
Peso 22 Kg
Manifattura Recuperando srl
Materiale Arenaria

Ulteriori informazioni

« l’arme pisana si definirebbe così: Di rosso alla croce patente ritrinciata e pomata di dodici globetti »

La croce pisana è patente, ovvero con i bracci allargati alle estremità, e pomettata o pomata o, meno signorilmente, pallata, cioè con i globetti; la croce su sfondo rosso, stemma della città di Pisa.
È difficile dire quali siano stati gli emblemi di Pisa nei primi secoli della nascita e dell’espansione di Pisa come libero comune e repubblica marinara: non si sono conservate fonti dirette (vessilli, bandiere, scudi) e ci si deve basare su testi narrativi e cronicistici e raffigurazioni iconografiche. A ciò dobbiamo aggiungere che nel pieno Medioevo i concetti di stemma o bandiera di uno Stato (e in realtà il concetto di Stato stesso) sono ben lungi dall'essere formalizzati e definiti come li concepiamo oggi.
A Pisa la croce viene adottata, nel Duecento avanzato, come emblema del Popolo. Con tale espressione non è però da intendersi l’insieme degli abitanti della città, bensì il movimento costituito da mercanti, banchieri, giuristi che, mentre vede crescere la propria importanza economica e sociale, rimane escluso dai vertici della politica ancora in mano alla vecchia nobiltà di nascita, e quindi prima si organizza con proprie istituzioni, poi dalla metà del Duecento diviene egemone e assume il governo della città. La prima attestazione della croce pisana comparirebbe, secondo l’insigne accademico Francesco Bonaini, nel 1274, a suggello di una pergamena in cui Pisa aderisce al progetto di crociata indetta da papa Gregorio X.




 

30 altri prodotti della stessa categoria: